Non è più il tempo

Non è più il tempo della sofferenza interiore
di porsi domande sulla vita e sulla morte,
il fascino dei poeti maledetti
perduti tra l’amore e la morte
è acqua piovana che ruscella
a valle e si perde nella terra.

La sofferenza è cambiata
sembra preoccupazione ma
rasenta la paura
è più fisica che spirituale.

Quando si è giovani, la
morte è una bella donna
da invocare
ma a questa età è una
vecchia bisbetica da temere
anche se da sempre
le apparteniamo.

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...