Alla stazione

Leggevo sul palmo della
mano il tuo futuro
ma non sapevo che era
anche il mio.
C’era scritto che non
c’era posto per me!

Eppure le avevo viste
bene quelle righe profonde
come il dolore, quasi
tessute e intricate di
futuro e passione.

Percorsi quei binari per
molti chilometri fino
alla stazione in cui scesi,
quando te ne andasti.

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...