I morti

I nostri amici
erano morti,
tutti gli altri
in vita a noi accanto,
accatastati, vuoti
e secchi come legna
da ardere, accanto al
camino che leva
il fumo alla cappa
profumando la terra
e dalla terra loro
venivano seguendo
quelle spire involute
e grigie a volte
con forme umane,
altre d’animale.
I morti erano
nostri amici e
non vedevamo differenza
alcuna tra noi e loro
nella comune esistenza.

Carlo Becattini ©

Annunci

2 pensieri su “I morti

    • Credo sia un problema di punti di vista…sono considerazioni su vecchi ricordi ripensati, rielaborati e restituiti al presente sotto questa forma.
      Più che il “come” sono in grado di dirti il “perché”.
      Grazie

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...