Tua madre

Laggiù tua madre
vuota e sola
a recitare sul palcoscenico
della vita
per l’ultima volta e
senza una parola.

Il nostro abbraccio
anch’esso muto,
freddo nella chiesa
d’estate,
freddo nelle ossa
di tua madre,
freddo nelle nostre
anime ritrovate.

E’ così che avrei
immaginato il funerale
se solo avessi trovato
il coraggio di venire.

Anche stanotte ti ho
sognata amica mia,
ho partecipato alla
cerimonia ed abbiamo
pianto insieme
e sapessi quante volte
ti ho pensata in mezzo
alle domande senza
risposta.

Adesso il rimorso
m’insegue lieve come
una farfalla,
pesante come un macigno.
Ci incontreremo ancora?

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...