La cassiera

Dietro occhiali alla moda forgiati
ho svelato il tuo sguardo spento,
poco hai reagito al mio saluto,
un movimento del capo appena accennato,
vittima innocente parimente all’automa
muovi le braccia meccaniche con
pochi ripetuti gesti.

L’azzurro cupo del camice copre
come nubi tempestose il sole
del tuo corpo così anonimo.
L’orlo della maglietta e
l’angolo del reggiseno
forano il buio come raggi di sole
ed io posso scoprire un po’
di te con lo sguardo,
col pensiero mi pongo domande.

Per un attimo i nostri sguardi
si sono incrociati nel darmi
lo scontrino, per poco hai
sorriso, poi di nuovo a
capo chino a far scorrere
le merci sul nastro.

Che voglia … l’impulso di rapirti,
di portarti via da quella cassa,
via dalla schiavitù a cui ti sottoponi,
per vederti sorridere almeno una volta.

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...