Sulle rive del lago

Con la testa in direzione
del lago,
cerco l’amore nel tuo
sguardo assonnato,
è la primavera,
l’esser vicini, affiancati
sul letto della terra,
in alto il cielo
e nel cielo gli occhi,
il futuro, la speranza,
saremo noi i predestinati
o solo il caso ci ha
guidati.

La terra è fresca
quasi umida,
siamo sterpaglie alte
erbe senza nome,
cresciute selvatiche
sulle rive del lago
ove mai ci bagneremo.

L’attrazione nel regno
animale è una lezione
di fisica applicata,
sulle tue labbra carnose
mi posai con la leggerezza
della farfalla sul fiore,
appena ti piegasti
sotto il mio peso
offrendomi il nettare
di cui eri assetata.

Bevemmo
dall’unica fonte ed
ancora è vivo il ricordo.
Se passi dal lago puoi vederci,
siamo sempre là tra
l’erba e la sterpaglia.

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...