A te

Lenta la pioggia cadeva
come note jazz libere
di piovere sui toni acuti
dei tasti del pianoforte
su cui rimbalzavano
impercettibilmente
i polpastrelli delle dita
seguendo la casualità
della pioggia che cade
lenta e riga il vetro
della finestra che attraversavo
pensando a te
che porti il nome di
questa composizione.

Carlo Becattini ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...