Andante con moto

Sto ascoltando Franz Schubert, andante con moto dal Trio per pianoforte, violino e violoncello in mi bemolle maggiore op.100 D929 … che titolo esagerato! Quando l’ho ascoltato alla radio e mi è piaciuto, ho atteso con attenzione la fine dell’esecuzione pronto a mandarne a memoria il titolo … col cavolo … mi è rimasto in mente solo “Schubert D929” direi molto sintetico ma, indispensabile per rintracciare il brano su internet. Eccomi qui mentre scrivo, nella stanza s’intrecciano le note dei tre strumenti e la mia mente si suddivide in tante parti autonome, distinte: c’è quella che mi ricorda l’interminabile corteo di anarchici che è sfilato oggi pomeriggio per le vie del centro, le loro urla rabbiose, gli striscioni neri, il buio del tardo pomeriggio … tutto inquietante, lampeggiato dalle scritte rosso sangue, dalle bandiere, dal senso delle parole scandite dai manifestanti … che non avevano un senso per me intento a scegliere un libro tra gli scaffali della libreria. Un’altra parte della mia mente è intenta a riflettere sul bel film che ho rivisto ultimamente, Lezioni di Tango di Sally Potter. Lo guardo e lo riguardo, emozionato sopra tutto quando ci sono le scene di ballo, quando i protagonisti si muovono insieme interpretando la musica coi movimenti dei loro corpi, due parti complementari che si intrecciano nei movimenti e nelle emozioni. Nel trasmettermi queste emozioni mi esalto, li invidio. Invidio la loro sensualità, la loro bravura, il saper ballare rendendo aggraziati, decisi ed appropriati i loro movimenti. Che momenti indimenticabili, li invidio perchè non ne sono capace o forse perchè non ho mai provato. Invidio la muta intesa che si crea tra l’uomo e la donna che li rende capaci di creare qualcosa di bello, abbracciati l’uno all’altro, registi di se stessi, inevitabilmente uniti nei sentimenti anche se dovesse trattarsi di puro “lavoro”. Questo film mi appaga, mi da un senso di serenità.

Pensavo veramente di finirla qui ma voglio farlo con una poesia il cui contenuto non c’entra niente col contesto del post (c’è un contesto?) e neanche con l’attuale stagione. C’è stato un tempo, molto tempo fa, che ero innamorato perso di una ragazza. Eravamo molto giovani entrambi e la nostra storia si è protratta tra alterne vicende per svariati anni. Stavamo insieme principalmente nel periodo estivo, in agosto, al mare, perchè era là che lei abitava, perchè era là che io andavo a trascorrere le vacanze. Poi agosto finiva, le giornate cominciavano ad accorciarsi, la sera cominciava a fare freddo e noi sapevamo che era arrivato il momento della separazione. I primi di settembre si apriva la caccia e suo babbo che era un cacciatore non vedeva l’ora di sparare. Tornavo al mare nei fine settimana di settembre e tutti insieme ci trovavamo per gustare piatti a base di polenta e uccelli. Questa la pura realtà. La poesia invece sta un gradino più su ed è carica di atmosfera, sensazioni, colori, odori, nostalgia e rimpianto, eppure racconta la stessa storia, una storia di cui soltanto io conosco tutti i dettagli, una storia che ho vissuto e che le poche parole messe insieme tanti anni dopo mi danno la forza per andare avanti, anche se con un occhio al passato. La prima metà della poesia si svolge nel tempo attuale fino ai colpi di fucile (tutto ciò è reale), il suono degli spari mi porta indietro nel tempo al ricordo di lei e di tutti quei mesi passati di settembre, un anno dopo l’altro, fino ad oggi.

Cielo coperto, nebbia,
bruma
filtrano il sole,
la sua luce diventa mistica
tutto si ammanta
di chiarore e grigiore
umidità e meraviglia.
Sarà una bella giornata.
Un colpo
poi un altro
scoppi di schioppi
e mi torni in mente
come tutti i miei primi
giorni di settembre
quando lasciavo
alle mie spalle
giovinezza e amore
per andare nel futuro
a rimpiangerli.

Carlo Becattini

Annunci

4 pensieri su “Andante con moto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...