Duello

Attraverso le schegge del vetro
infranto, riconosco multiple
sfaccettature dell’apparire
distorto su piani differenti,
nello sguardo la tristezza
del momento, quella che viene
sempre dopo la felicità.

Volo tra il buio ed il vuoto,
tanto non arriverò mai a terra,
rimarrò nell’incertezza
dell’intenzione, assetato e
pago di desiderio frustrante.
Mi batterò nel duello in cui
vinci sempre e t’amerò per questo.

Carlo Becattini ©

Annunci

Parole

Vomitando parole sdrucciole
la lingua si è ferita
sulla lettera G
tagliente come una lama
di una sega
ma la lama era sporca
e la lettera avvelenata
la frase s’è smorzata
tra indicibile sofferenza
ho ritrovato così la pace
e il giusto fluire della parola.

Carlo Becattini ©