Gli amanti perduti

(1975 – n° 272)

Ho suonato la canzone
degli amanti perduti
mentre il sangue
scorreva vivo
dalle vene fino al suolo
simile ad un ruscello di sorgente
che vede la luce per la prima volta
e si abbellisce di moltitudini armoniose.

Il sangue sgorgando
vedeva la luce
ed io
afflosciandomi
sprofondavo nelle tenebre
pronto a vivere una nuova vita.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

2 pensieri su “Gli amanti perduti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.