Malata società

(1975 – n° 284)

Uomini hanno eretto
un monumento fallico
dedicato alla morte

Se ne sta in bella mostra
stagliandosi all’orizzonte
delle loro vite insulse

Non è questa la società
che avrei voluto trovare
al mio arrivo col vagito

Sono in trappola
niente posso fare
se non fallire e morire

Vedo il monumento
innalzato alla Morte
brillare di gioia

Non c’è salvezza
non c’è speranza
in questa vita a senso unico

Futuri impensati
assegnati alla nascita
da anime sporche

In che mondo vivo?

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati