Il pagliaccio, muto osserva i tuoi pensieri

35 Il pagliaccio, muto osserva i tuoi pensieri Fotografia Carlo Becattini ©Tutti i diritti riservati

Annunci

Stranezza

(maggio 1976 – n° 323)

Ancora ti vedo
distesa sul letto
desiderosa d’amore,

ancora a stringermi
nello spasimo del piacere
i tuoi sussurri sommessi,

ancora a cercarci nella carne
lo strano gioco
in cui perdiamo entrambi.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

Sete di vita

(maggio 1976 – n° 320)

Il mio spirito mi informa
che l’uomo è nato per vivere
e vive per morire,
non c’è da preoccuparsi,
non c’è da ridere,
da piangere,
non c’è da vivere,
perché?

Voglio vivere!

Sono solo un uomo,
come posso volere
se sono soggetto al destino,
al futuro,
a tutto ciò che mi circonda?

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

L’immagine

(maggio 1976 – n° 319)

Sono colui che parla dell’amore,
quello che non è mai esistito,
che s’illude con futili speranze,
che piange delle altrui tristezze
ma che ride della propria…

è pazzia?

è l’uomo?

Sono colui che si preoccupa del futuro,
dell’avvenire,
e che poi non gliene frega niente
di niente.

Che strano essere,
ancora non mi conosco,
mi spavento nel vedere
la mia immagine completa.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati