Mio fiore

(1976 – n° 292)

Sei come un fiore
che sboccia in primavera,
che in estate inebria con il suo profumo,
che in autunno appassisce
e infine muore.

Mio fiore sei marcito,
l’acqua ti è mancata
e ti sei seccato,
non hai più vita,
ed io come farò senza di te.

Privato del tuo profumo,
delle tue parole di gioia
e di dolore,
delle tue gesta di amicizia
e di amore.

Addio fiore.

Carlo Becattini
© Tutti i diritti riservati

4 pensieri su “Mio fiore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.