Passito fiore

(4 aprile 1976 – n° 298)

Com’era bello quel fiore appassito,
corpo morto al limitare stradale,
la pelle cadente, il corpo svestito,
portato via con dolcezza per non fargli del male.

La ricordo vecchia, stridula la voce,
mani adunche e sguardo torvo,
niente chiedeva, solo un po’ di pace,
starsene al caldo nella veste logora color corvo.

Cercava compassione e poca sussistenza,
ma, sfortunato fiore sull’asfalto si seccava,
anelando una parola, un sorriso, una carezza,
un passante che genuflesso su di lei l’anima sua lavava.

Carlo Becattini
© Tutti i diritti riservati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.