La fine

(23 ottobre 1977 – n° 409)

Per quante volte ancora
dovrò vivere
portando con me
il pesante fardello della falsità?

Ogni giorno è nuovo e
l’amarezza di un passato morto,
finito,
accarezza il mio animo.

Perché ostinarsi ad inventare
una ironica gaudente felicità?

Eppure ne rido
ed il mio riso si fa sempre più amaro,
i miei cambiamenti improvvisi d’umore
ne sono la prova.

Tutto inutile … è la fine.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati