Fusione

2016-11-07 Nina Nasilli - Avvinto
Nina Nasilli – Avvinto

(27 aprile 1981 – n° 569)

Avvinti a noi,
stretti, ansimanti,
carichi d’eccitazione,
nell’attesa impazienti
dell’attimo fatidico
in cui il mondo finisce
ed iniziano le nostre vite.

Il tempo si ferma, così i pensieri,
e tutto si trasforma, fiorisce.

Abbracciati stretti
sussurriamo parole che non sono parole
e ci saziamo di sensazioni.

Quando i nostri corpi e le
nostre anime si sono fuse
l’una nell’altra, anche
per un solo interminabile
momento, ritorniamo
alla realtà e a vivere.

La tenerezza mi annulla,
mi dilania, e non esisto più
quando scorgo sul tuo viso
quelle lacrime di gioia.

Mi emoziono al solo
guardarti, al solo vedere
la tenerezza che sprigioni,
così inerme, così innamorata.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati