Le rose del mio giardino

2016-01-27 John Duncan - Tristan and Isolde -
John Duncan – Tristan and Isolde –

(22 maggio 1982 – n° 624)

Cosa farai in quest’ora d’amore,
il mio, il tuo: due momenti d’amore,
e allora come posso parlare di un’ora d’amore?

Momenti separati, scissi, sfalsati,
momenti personali
racchiusi in noi.

Come farai,
come farò a dirti parole
che non ascolteremo mai?

Parole che svolazzano,
che capitombolano nella brezza primaverile,
quel vento leggero che ci sta a guardare.

Come sento stretto questo mondo per la mia vita,
ed i pensieri che non riesco a fermare
mi fanno inebriare, impazzire di gioia,
ma non mi fanno dormire, neanche assopire,
forse sognare, ma sicuramente vivere.

Vivo, sono vivo, certamente, e voglio
dirlo: sto vivendo ed anche tu vivi,
stiamo vivendo un magnifico momento,
degli splendidi giorni, una vita favolosa.

Sento il profumo delle rose del mio
giardino che mi parlano di te, ma poi
mi accorgo che non è vero, che sono io a
parlare di te, a pensarti, a rendermi conto
che mi manchi e che sto vivendo questi
momenti quotidiani esclusivamente per te.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

2 pensieri su “Le rose del mio giardino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.