Il viaggio

2016-09-01. Pedro Sáenz Sáenz - Tomb of the Poet
Pedro Sáenz Sáenz – Tomb of the Poet

(11 settembre 1982 – n° 672)

Dov’è quel pianto antico,
quel gabbiano ferito,
e le ali, i voli sul mare,
son forse utopie da scordare?

Città, città, che mi trovi assorto
ti prego, dì all’amor mio
che non sono ancor morto.

Mi spezzarono le ali
in un giorno settembrino
mentre il sole tramontava
ma ancora sono in volo,
vedo le terre e i pescatori lontani
tirare le reti con le loro mani
come fossero ragni immensi
e i pesci futili mosche.

Sole, non so se arriverò
ma ti prego, manda un tuo raggio
per me a lei e dille quanto l’amo
perché non so se riuscirò a vederla.

Mi hanno troncato le zampe
e non potrò più toccare terra,
amico vento vai a dire
a colei che mi attende che arriverò,
non so quando, ma arriverò.

Avvolgila con la tua brezza
come fosse tenera carezza,
sarai tu il mio braccio,
perché io non posso più.

Dille che questo viaggio sta annientandomi,
non so se riuscirò a raggiungerla.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

5 pensieri su “Il viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.