Il ritratto di Lucia

2013

Che dire di Lucia, la ragazza dai capelli nero lucido simili al piumaggio del corvo.
La i del suo nome era un pugno nello stomaco.
Lei scaldava invano le mie parole col tepore della sua luce artificiale.
Le mie speranze si sciolsero con la pioggia, insieme al nome suo.
Potevamo, ma non l’avemmo mai quel futuro.
Fu così che la sua oscurità divenne chiarore e comprensione.
Lei non sapeva cosa fosse il filo di lana, addirittura lo spezzò prima ancora di averlo annodato. Bastarono quello sguardo ed il rimpianto.
La sua mano mi prese per il culo e mi portò in alto, molto in alto.
Venni giù come un sasso ed a terra seppi la verità, compresi la realtà.
Il dolore fu il suo dono per averla dipinta.
Ah, se avessi gettato tra le fiamme quel ritratto!

© Carlo Becattini