Stella nera

2017-02-13. Pierre Puvis de Chavannes - Girl by the Sea
Pierre Puvis de Chavannes – Girl by the Sea

(8 febbraio 2006 – n° 978)

Stella spenta nel mio cielo,
implosa, hai ferito l’anima,
graffiato e dilaniato il cuore
privandomi del tuo calore.

Stella nera, primitivo amore,
i sensi che a te richiami
ancor sento nel mio candore,
eccitato e sconvolto: so che m’ami.

M’assale, sconvolge e trasfigura
l’intima personalità che tanto
conforto serba e dolcezza vera
spande nel mio mesto disincanto.

Tante le stelle implose nel cielo
come artigli a indurre dolore,
di pianto mi copre il suo velo,
sfoca, offusca il perduto amore.

© Carlo Becattini

Il nostro amore

2016-08-12. Harold Knight Morning sun - 1913
Harold Knight – Morning sun – 1913

(19 giugno 2004 – n° 970)

Non rattristarti
per questa ricorrenza
unica ed intima,
questo giorno ti appartiene
e noi siamo qui per festeggiarti.

Ho sempre pensato che il genetliaco
dovesse essere prerogativa dei genitori
e non dell’ultima arrivata, ma così non è.

Lo so bene che l’età aumenta
sotto l’incalzare del tempo
e l’accumularsi dei malanni

anche se io…
anche se nostro figlio…
anche se noi siamo felici di festeggiarti
e di stringerci a te in un abbraccio
in cui tu possa trovare rifugio e conforto
dai mali del mondo e tutto il nostro amore.

© Carlo Becattini

Scivolo tra le gocce di pioggia

2015-11-25_b Edvard Munch - Summer Night - 1889
Edvard Munch – Summer Night – 1889

(1 giugno 2004 – n° 967)

Senza corpo scivolo tra le gocce di pioggia
di quest’umida giornata primaverile,
penso alla vita, a te, a noi, a tutto il mondo,
ed in questo attimo esaltante
mi ritrovo sulla cima di un monte,
eremita ma saggio,
vecchio come un bambino
e bambino come un vecchio.
Senza corpo scivolo tra le gocce di pioggia
di questa interminabile giornata
che mi parla di te
e ti stringo forte in un abbraccio,
se solo tu fossi qui.

© Carlo Becattini

Agosto

Lady 061218 col
Disegno personale – Senza titolo – 2018 – Tecnica mista: inchiostro su carta, colore virtuale

(1 febbraio 2000 – n° 902)

Pomeriggio assolato,
correvo con la bicicletta rossa
su e giù per la strada.

Passavo davanti casa tua
una, due, cento volte,
sperando ti accorgessi di me.

Andavamo nella pineta
correndo per i viottoli
coperti di aghi di pino.

I raggi del sole filtravano
attraverso le fronde degli alberi.
Eravamo felici.

© Carlo Becattini

Per amarti

2016-08-28 Giovanni Boldini - natura morta con rose
Giovanni Boldini – Natura morta con rose

(8 aprile 1985 – n° 824)

Il braccio si tende verso di te,
nella mano un fiore,
gli occhi, fissi nei tuoi parlano:
– prendi, è per te –

Ho sacrificato, per donarti amore,
ho ucciso, per vederti felice.
Hai sorriso, nel dirmi grazie.
Abbiamo pianto nel dirci: – ti amo -.

Il tuo braccio si tende verso di me,
nella tua mano, il fiore,
gli occhi, fissi nei miei parlano:
– lo prendo, è per me –

Hai accettato un sacrificio, per essere amata,
ho ucciso e sei felice.
Hai sorriso, nel darmi un bacio.
Lui è morto, nella tua mano chiusa.

© Carlo Becattini

La paura dell’amore

2016-03-22. Silvestro Lega - Orti a Piagentina - 1864
Silvestro Lega – Orti a Piagentina – 1864

(1 settembre 1984 – n° 815)

A te – incontro di marzo –
ho dato tutto ciò che possedevo,
anche se allora ti dicevo:
– sei il mio secondo amore,
il primo, è la mia città. –
Ma non era vero, una città intera
non colma il mio cuore,
se esso è assetato d’amore.
Quanti sbagli, quanta
insufficienza da parte mia,
quanti giorni ho amato
dietro la paura dell’amore
e quanto amore ha scacciato
la mia paura.

© Carlo Becattini

Una nuova luce

2016-08-05 Arnold Böcklin - Calipso e Ulisse
Arnold Böcklin – Calipso e Ulisse

(20 novembre 1983 – n° 786)

Nel tuo sorriso
il bene che mi vuoi,
quello che ti voglio,
un forte desiderio d’amore
che non conosce orgoglio.
Il desiderio
o la celata certezza
che dopo una lunga
e fredda passeggiata,
tra giardini fumosi di nebbie
e abbracci carezzati di parole,
i baci che son venuti
sono stati dati,
e tali sono stati
perché sono venuti,
spontanei e sinceri
al di sopra dei vaghi pensieri,
lontani dai problemi del mondo,
perché è nei momenti felici
che tutto si ferma,
e quando ciò accade
una nuova luce negli occhi appare,
una fiamma irreale, riflessa,
che gli altri non vedono
ma che in noi scotta.

© Carlo Becattini

Momenti d’amore

2018-01-02. Foto Man Ray - 1934 - Nusch e Paul Eluard_
Foto Man Ray – 1934 – Nusch e Paul Eluard

(7 novembre 1983 – n° 783)

Lo sguardo dolce
il profumo della tua pelle
ti prendo per mano
ti tengo stretta per portarti lontano
la gente passa noncurante
la gente è curiosa
e ti osserva
ti spia.

Com’è buffa

Come sei bella

Come sei brava a spillare tenerezza,
a circondarti di affetto.

Eppure nei momenti d’amore
i tuoi occhi brillano
di una strana luce
vestendo il tuo viso
di una espressione strana,
ed è in quell’attimo
che rivedo la bambina,
ora oppressa dagli anni,
cambiata, maturata, felice,
ora finalmente se stessa.

Ed è in quell’attimo
che mi sento un uomo
conscio d’aver dato me stesso
per il tuo piacere,
ed un torrente di tenerezza
mi si sprigiona di dentro,
e vorrei abbracciarla così
tanto da non lasciarla più,
baciarla così a lungo
da diventare unico respiro,
amarla così bene
da farla rinascere.

© Carlo Becattini