Ma come sono bravi

Onda 060317 col
Disegno personale – L’onda – 2017 – Tecnica mista: inchiostro su carta, colore virtuale

(30 aprile 1997 – n° 878)

Sono bravi nello scambiarsi la saliva,
artisti sublimi nell’unire le labbra
per gustare la sensazione tattile
data dai movimenti delle lingue
costrette nelle bocche accostate.

Oh, si che sono bravi
nel loro incedere elegante,
partecipi della progressione esaltante
che gli sconvolgerà le membra
nell’attivazione della totalità dei sensi.

Coscienziosi nella gestione delle reciproche terminazioni
si cercano carezzevoli con il gusto e con il tatto
ascoltando il silenzio dello struggimento e
percependo con distaccato interesse
l’auto lubrificazione interiore in atto.

Ma come sono bravi!

Ma non sanno di non essere più padroni
di se stessi, ignorano che i loro corpi
tramano l’inganno attraverso
potenti scariche di sensazioni nervose
rendendoli incapaci di ragionare.

Ora, per loro, tutto l’universo risiede
nella biforcazione degli arti inferiori
e non più capaci di guidare i propri corpi
da essi si lasciano trascinare e coinvolgere.

Sono veramente bravi!

Tra poco scopriranno di poter riacquistare
tutte le loro facoltà stravolte dall’azione
quando l’avvolgente calore interno di lei
palpiterà contraendosi attorno al duro
calore esterno di lui che fremerà pulsante
nell’ultimo tentativo di sprofondare
totalmente nella cavità che lo accoglie.

© Carlo Becattini