L’inganno

 

2017-01-19. Paul Ranson - Fallen Stars - 1900
Paul Ranson – Fallen Stars – 1900

(28 novembre 2003 – n° 955)

Tirata,
esposta, affusolata,
intravista, desiderata,
vellutata, profumata,
deliziosa e deliziata,
macchia rossa sul viso,
ombre scure sui seni,
desiderio e passione,
linee su linee
sovrapposte a schiudere
labbra su labbra.

Mistero del dentro,
il contenuto siamo noi,
nel profondo il mistero
del desiderio,
del ritorno.
La carne scioglie
il ventre di desiderio
erigendosi a divinità
dispensatrice di vita,
sconvolgendo,
ingannando.

© Carlo Becattini

Inganno

2015-11-28_a Lawrence Alma Tadema - Ask Me No More - 1906
Lawrence Alma Tadema – Ask Me No More – 1906

(4 novembre 1981 – n° 597)

Lettera che scalza, incalza, mente,
trasfigura, abbaglia, ammalia,
infine ti prende.

Non ti fidare della mia arte,
sono il re dell’inganno,
cadrai nella rete e ti avrò.

Agisco sempre controvoglia,
dovevo farlo, solo un po’ di colpa,
vorrei farmi perdonare.

So che tornerai da me rinata,
ma tremo nell’attimo del dubbio
che porta l’ansia dell’attesa.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati