Bomba liberi tutti

Rock 280517 col
Disegno personale – Senza titolo – 2017 – Tecnica mista: inchiostro su carta, colore virtuale

(11 marzo 2000 – n° 904)

Vorrei chiudere gli occhi
con dolcezza.

Vorrei urlare che non l’ho chiesta,
che non l’ho desiderata,
nemmeno invocata,
questa lurida vita.

Vorrei trovare la tranquillità dell’eremita,
la saggezza del mistico,
la poesia di una canzone,
ed elevarmi sopra me stesso,
ed essere essenza,
essere io.

IO
vi odio,
voglio il mio tempo,
la mia libertà,
voglio le mie canzoni,
le profondità,
le evasioni.

Verrà la bomba
quella con la B maiuscola,
verranno terremoti ed inondazioni,
verranno incendi ed esplosioni
a dilaniare i vostri corpi,
tutti i vostri corpi!

© Carlo Becattini

Odiando l’amore

(18 marzo 1980 – n° 457)

Odio l’amore
perché è una fonte
che invita al pianto.

Odio l’amore
perché fa soffrire
intralciando la vita.

Odio l’amore
sotto ogni forma
qual’egli appare

ma sopporto la vita
con i suoi sprazzi di felicità.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

Il tuo coltello tra i miei capelli

(23 ottobre 1977 – n° 411)

Mi piaci,
mi piace tutto di te,
quando parli, ridi, pensi.
Mi piaci quando ti svegli
tutta arruffata,
quando te ne vai arrabbiata.
Mi piaci quando passi delle ore
a truccarti
senza capirne il perché.
Quando te ne stai sola
sotto il sole,
quando leggi,
quando mi fai arrabbiare.
Mi piaci
Mi piace tutto il tuo corpo
tutta te stessa.

Mi piaci
ma tu non sei una donna
non hai cuore
non sei umana,
tutto per te è calcolato,
manipoli cause ed eventi
spettatrice colpevole.
Il tuo coltello ha una lama psicologica
che fa più male del dolore,
uccidi più della morte stessa
e per questo ti odio.
Mi fai schifo.

Mi piace il tuo cadavere sul catafalco.
Mi piace il silenzio della tua voce.
Mi piace il tuo vuoto nella mia mente.
Mi piace la tua assenza.
Finalmente non potrò cercarti più.

Però mi piace cercarti
trovarti
vederti.

Mi piaci perché ti odio,
ti odio perché mi piaci.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati