Pallida primavera

(13 agosto 1976 – n° 347)

Ma quel giorno,
di quella pallida primavera,
ti rapirono la tua verginità,
in un bosco,
su un letto d’erba.

Volevi essere una donna,
ma eri ancora una bambina
e piangendo fuggisti lontano.

Ora la sua leggenda viene narrata
nelle bettole e per le strade,
e se passi per quel bosco
in una pallida primavera,
potrai ascoltare,
portati dal vento,
gemiti di piacere
e pianti di vergogna.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati

Annunci

Primavera

(1972 – n°17)

Ecco la primavera,
il gelo invernale
è solo un ricordo.

Ecco la primavera,
le rondini alte nel cielo,
i pipistrelli in volo radente.

Ecco la primavera,
arde l’orizzonte
al tramontar del sole.

Ecco la primavera,
sono il fulcro della scena
e mi emoziono.

© Carlo Becattini
Tutti i diritti riservati